La semplificazione HACCP in Regione Piemonte viene descritta e prevista nella D.D. 15 ottobre 2012, n°692.

Nelle linee di indirizzo della Regione Piemonte per il controllo ufficiale nella microimpresa (D.D. 15 ottobre 2012, n. 692) si sottolinea nella premessa: una gestione semplificata del rischio nelle piccole imprese alimentari, con riduzione degli oneri burocratici spesso non giustificati da un reale bisogno di tutela del rischio, viene ritenuta indispensabile non solo per ridurre i costi e migliorare la competitività  delle imprese ma anche per migliorare l’efficacia dell’autocontrollo orientandolo ad azioni di provata efficacia.

In altri articoli del blog abbiamo già  trattato il tema della semplificazione HACCP. Abbiamo visto la situazione in Lombardia, in Emilia Romagna e in Sardegna.

In queste linee di indirizzo piemontesi il concetto è espresso molto bene: appesantire la gestione dell’impresa con registrazioni su registrazioni è un inutile onere per l’OSA.

La registrazione in sè non rappresenta una garanzia per la sicurezza alimentare.

Ai fini della sicurezza alimentare l’obiettivo deve essere quello di mantenere la temperatura corretta, decisamente più importante che registrarla.

Nelle linee guida del Piemonte sono elencate delle procedure di base rilevanti, ove pertinenti. Viene prevista un’unica scheda di registrazione, il registro delle non conformità , in cui riportare le situazioni di anomalia che si verificano, il relativo trattamento e la chiusura della non conformità  stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu